La Piazzetta del Libro

Nei giorni 21 e 22 aprile p.v. si festeggeranno a Lucca i 20 anni della “Piazzetta del Libro”, istituita con la apposita Deliberazione n°192 del 13 novembre 1996 da parte del Consiglio Comunale di Lucca. In quella sede furono individuate le aree pubbliche del Comune destinate ad attività commerciale, con tale atto codificando il “Mercato Rionale di Corte del Biancone […], specializzato per la vendita di libri usati e di seconda mano”, di fatto dando vita pochi mesi dopo, appunto nella primavera del 1997, a quella che oggi è conosciuta come “La Piazzetta del Libro”.

La piazzetta del libro - Galleria Fotografica

In questi anni le bancarelle situate tra Piazza San Giusto e Via Beccheria sono divenute una piccola attrazione turistica, continuando nel contempo ad offrire una vasta gamma di libri vecchi e d’occasione a studiosi e appassionati, in un lasso di tempo in cui purtroppo quasi tutte le tradizionali librerie lucchesi hanno chiuso i battenti lasciando il campo solo a grosse catene distributive.

Per festeggiare degnamente la ricorrenza, verrà ratificato un protocollo di gemellaggio tra gli operatori della Piazzetta, la “Association culturelle des bouquinistes” di Parigi e la “Associazione Montereggio Paese dei Librai”, con la condivisione del presente testo: L'”Association culturelle des bouquinistes de Paris”, l’“Associazione Montereggio Paese dei Librai” e gli operatori della "Piazzetta del Libro" di Lucca promuovono, sotto forma di gemellaggio, un percorso di sviluppo delle relazioni culturali ed economiche tra i mercati specializzati in Europa nel settore dei libri e dell’antiquariato cartaceo. A fronte di uno sviluppo sempre più accentuato di nuove tecnologie, i librai ambulanti intendono riaffermare la vitalità e la modernità di questo antico mestiere, individuando nel libro stampato uno dei grandi strumenti di diffusione della Cultura come messaggio di fratellanza universale, e nel commercio dei libri un elemento emblematico della libera circolazione degli uomini e delle idee”.

Si tratta di un evento sicuramente di prestigio: l’associazione francese raccoglie infatti i circa 240 celeberrimi “bouquinistes” della Senna, attività che rientra dal 1991 tra i patrimoni mondiali dell’umanità dell’UNESCO: il mercato del libro lungo il fiume parigino venne creato al tempo di Enrico IV, contemporaneamente alla costruzione del ponte più vecchio di Parigi, il Pont Neuf, nel 1607, e vanta dunque una tradizione di oltre 400 anni, anche se l’attuale struttura, amministrativamente organizzata, venne sancita nel 1859. Un vero e proprio monumento umano della capitale transalpina, ed uno dei richiami turistico – culturali universalmente più conosciuti! Di assoluto rilievo anche la presenza della associazione di Montereggio, paese della Lunigiana nel Comune di Mulazzo e patria indiscussa dei librai ambulanti italiani, con una tradizione che, anche in questo caso, risale al XVI secolo, e che ha dato vita al celebre Premio letterario “Bancarella” di Pontremoli, il cui vice-Presidente presenzierà alla manifestazione. Il delizioso borgo di Montereggio, con le sue vie intitolate ai grandi librai e editori, è inoltre l’unica località italiana inserita nel prestigioso circuito internazionale delle “Book Towns” (www.booktown.net) assieme ad altri 21 paesi sparsi in tutto il mondo, dalla Norvegia alla Corea del Sud, dalla Croazia alla Nuova Zelanda, dalla Finlandia alla Malesia, associazione assai attiva e all’avanguardia sul piano globale nella direzione di un turismo culturale compatibile.

La festa serale del 2008 - Galleria Fotografica

La storia della “Piazzetta del Libro” è infinitamente più piccola. Nata formalmente appunto 20 anni orsono, raccogliendo librai che fin dalla fine degli anni ’60 stazionavano in Piazza XX settembre e Piazza San Giusto, in una Lucca diversa da quella di oggi, ha segnato un punto di continuità tra la tradizione mercantile cittadina ed una offerta turistica che è andata via via massificandosi, rimanendo quel piccolo angolo colmo di vecchi libri e di fatto divenendo una caratteristica cittadina, assai apprezzata da quel tipo di turismo ideale per Lucca, alla ricerca cioè di qualcosa di diverso da ciò che la grande distribuzione può offrire ormai ovunque. In questi 20 anni numerosi personaggi celebri si sono fermati ed hanno fatto acquisti presso le bancarelle della Piazzetta: dai cantanti in tournée in Versilia, quali Ornella Vanoni e Renato Zero, agli attori impegnati nelle stagioni al Teatro del Giglio, da Aroldo Tieri e Giuliana Lojodice, da Glauco Mauri a Mariangela Melato, dalla star della lirica Angela Gheorghiu ad artisti residenti in Lucchesia come Giorgio Gaber e Christian De Sica, oltre a intellettuali quali Oriana Fallaci, Geno Pampaloni, Giuseppe Pontiggia, e così via.

Da notare inoltre come l’iniziativa si svolga, di fatto, in concomitanza con la ricorrenza del 23 aprile, proclamata, proprio dall’UNESCO, giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. In tale giornata verrà inaugurata, sulla pagina web www.pera.it una piccola mostra virtuale sulla storia del commercio librario, della “Piazzetta del Libro” e appunto sul gemellaggio.

Il programma prevede, nel pomeriggio di venerdi 21 aprile p.v., alle ore 16,30 il ricevimento a Palazzo Orsetti, presso la sede comunale, del Presidente della Associazione dei “bouquinistes”, Jérôme Callais, del Presidente dell'Associazione Montereggio Paese dei Librai Franco Muzzio, del Vice-Presidente del Premio Bancarella Gianni Tarantola e del Sindaco di Mulazzo Claudio Novoa, e, dopo il messaggio di saluto da parte del Sindaco o suo delegato, la firma del suddetto protocollo, che intende essere un primo passo verso la creazione di una rete, culturale anzitutto, ma anche commerciale ed informatica, che andrà a collegare le bancarelle di vecchi libri sparse in tutta Europa.

Alle 17,00 gli ospiti parteciperanno, presso i Saloni monumentali della Biblioteca Statale, alla presentazione del volume che raccoglie gli atti del Convegno sullo stampatore lucchese Vincenzo Busdraghi. Seguirà un rinfresco in Corte del Biancone offerto a tutti gli intervenuti dagli operatori della “Piazzetta del Libro”.

Le persone della piazzetta - Galleria Fotografica

Nella mattinata di sabato 22 aprile i partecipanti alla iniziativa avranno la possibilità di ammirare alcuni dei tesori nascosti della città di Lucca, documentali, bibliografici e artistici: alle 10 è infatti in programma una visita guidata all’Archivio di Stato, alle 11 dell’Archivio Storico Diocesano, che per la sua raccolta di pergamene longobarde si onora del titolo di “Memoria del mondo” dell’UNESCO, ed alle 12, infine, visita guidata a Palazzo Ducale, che fu residenza della Principessa Elisa Baciocchi, a sottolineare, se ce ne fosse bisogno, il forte legame tra la città di Lucca e Parigi, confermato anche dal fatto che la seconda edizione della celebre “Encyclopédie” di Diderot e D’Alembert venne stampata proprio a Lucca. Chi sia interessato al programma di visite del sabato mattina, ovviamente gratuite ma a numero chiuso, è pregato di prenotarsi al n°0583 955824. E sarà una buona occasione per visitare in anteprima le splendide splendide sale del Palazzo della Provincia, all’indomani del restyling per il summit del G7!

Per l’occasione gli operatori della “Piazzetta” allestiranno una Mostra di antichi volumi in lingua francese, a ribadire un legame secolare ma anche attuale, se pensiamo alle quasi 30.000 presenze francesi nelle strutture ricettive del solo Comune di Lucca (dati ufficiali 2013).

Il programma degli eventi

Il protocollo d'intesa

L’Association culturelle
des Bouquinistes de Paris